Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2021

SILVER PLACHESI VENDE L’ABBECEDARIO… PER REDIGERE L’ARCHITETTURA DI UNA NUOVA FAVOLA

Immagine
  L'ArteCheMiPiace - Divagazioni sull'Arte SILVER PLACHESI VENDE L’ABBECEDARIO… PER REDIGERE L’ARCHITETTURA DI UNA NUOVA FAVOLA di Maria Marchese  |28|Novembre|2021| Silver Plachesi abbandona “abbecedario e abaco” , ogni giorno, per addentrarsi in un’immaginifica e privilegiata terra uterina: innanzi alla soglia depone indi la rigidità dell’insegnamento per risolvere se stesso nello spazio in cui il risultato, il completamento dell’opera, coincide con un guizzo di meraviglia.  Questo diastema personale diventa custode di ogni dettaglio, che l’intuizione ha depositato tra le mani dell’autore: il suo sguardo individua, infatti, la forza intrinseca di un elemento, che diviene allora una potenziale e fondamentale tarsia per redigere un’inedita pagina scultorea.  L’artista, invero, particolarmente legato alla vicenda, che narra la permanenza di Pinocchio nel ventre della balena, coglie nella figura del ligneo bimbo la viva scintilla di un’odorosa fanciullezza.  Egli trasla quindi s

Fotogrammi inattesi __ di Antonello Ferrara

Immagine
  L’ArteCheMiPiace - Interviste ©Foto di Debora Leone Fotogrammi inattesi ____________ di Antonello Ferrara  di Giuseppina Irene Groccia |28|Ottobre|2021| L’arte fotografica di Antonello Ferrara si propone di offrire allo spettatore opere che rappresentano laboratori di estetica onirica, dove lascia al fruitore la facoltà di naufragare volutamente in una propria direzione recettiva. Uno spazio speciale dove la visione domina sulla forma e la dimensione del definito, animando la percezione del reale-irreale. La narrazione scenica ci restituisce esempi di fotogrammi capaci di trasformare immagini in veri attivatori dell’immaginazione. Nel suo percorso troviamo opere che presentano una carica visiva ed emozionale come principio fondamentale. La loro rappresentazione astratta ricostruisce scene trasfigurate dalla visionarietà. Antonello Ferrara , quale virtuoso dell'immaginario mostra modelli di fotografia intrisi di una sensibilità visiva, particolarmente incline ad una delicata deri